l'inganno dell'evoluzione

< <
1 / total: 6

Lo Scopo Della Vita Del Credente: Conseguire L’approvazione Di Allah

Allah guida sulla via della salvezza quelli che tendono al Suo compiacimento. Dalle tenebre li trae alla luce, per volontà Sua li guida sulla retta via. (Surat al-Ma’ida: 16)

Che cosa rende un musulmano diverso dalle altre persone? I non-musulmani possono rispondere a questa domanda in molti modi. Possono parlare di differenze culturali e morali, di “diverse visioni del mondo” o di valori che negano assolutamente. Altri possono dire che la differenza si radica nelle differenti ideologie abbracciate dai musulmani. Tutte queste risposte si riferiscono tuttavia a differenze “visibili” che sembrano essere le conseguenze di una diversità fondamentale. Spesso costoro non riescono a capire le motivazioni che stanno alla base di questa differenza (infatti, se non sono musulmani, è perché non sono riusciti a cogliere questa stessa differenza).

Prima di procedere nella spiegazione degli attributi fondamentali che rendono diverso un musulmano si deve rimarcare un fatto: quando parliamo di un “musulmano” non ci riferiamo a qualcuno la cui carta d’identità riporta la dicitura “musulmano”. Musulmano, in realtà, è il nome che Allah dà a coloro che seguono la Sua religione. L’attributo fondamentale, citato nel Corano, che distingue i musulmani dalle altre persone è la consapevolezza dell’infinito potere di Allah. Questa coscienza non significa, tuttavia, affermare l’esistenza di un Creatore. Il Corano sottolinea così questo fatto:

Di': «Chi vi provvede il cibo dal cielo e dalla terra, chi domina l'udito e la vista, chi trae il vivo dal morto e il morto dal vivo, chi governa ogni cosa?». Risponderanno: «Allah». Allora di': «Non [Lo] temerete dunque?». Questi è Allah, ecco il vostro vero Signore. Oltre la verità cosa c'è, se non l'errore? Quanto siete sviati!»(Surah Yunus: 31-32)

Nel versetto appena citato le domande sono rivolte a qualcuno che riconosce l’esistenza di Allah, accetta i Suoi attributi e tuttavia, nonostante tutte queste caratteristiche, non prova timore di Allah e quindi si allontana da Lui (infatti nemmeno Satana nega l’esistenza di Allah).

Comprendere il potere di Allah non è semplicemente una questione formale. I credenti sono coloro che riconoscono l’esistenza di Allah e la Sua grandezza, “sono costanti nell’adempimento del loro dovere” nei Suoi confronti e orientano tutte le loro azioni e la loro condotta in prospettiva di questa realtà che è divenuta per loro manifesta. Gli altri, d’altro canto, sono coloro che negano Allah, oppure, come nel caso delle persone descritte nel versetto precedente, quanti che non adempiono al loro dovere nei confronti di Allah, nonostante siano consapevoli della Sua esistenza.

Costoro conducono la loro intera esistenza del tutto dimentichi di Allah, il Creatore dell’uomo. A chi debbano la vita e come, e perché, sia stata loro donata una vita sulla Terra sono domande delle quali non si curano. Immaginano un genere di esistenza completamente separata da Allah e dalla Sua religione. Tuttavia, il seguente paragone fatto dal Corano spiega che una vita di quel genere si fonda su basi vane e corrotte, ed è destinata alla distruzione:

Chi ha posto le fondamenta della moschea sul timor di Allah per compiacerLo non è forse migliore di chi ha posto le sue fondamenta su di un lembo di terra instabile e franosa che la fa precipitare insieme con lui nel fuoco dell'Inferno? Allah non guida gli ingiusti. (Surat at Tawba: 109)

Come illustrato anche nel suddetto versetto, la vita di quanti mancano di fede, secondo la descrizione del Corano, è fondata su “di un lembo di terra instabile e franosa”. L’obiettivo principale cui mirano i miscredenti è il raggiungimento della felicità e della pace “in questo mondo”. In tal senso, ciò che desiderano maggiormente è diventare ricchi. Fanno del loro meglio per raggiungere questo traguardo, compiendo accaniti sforzi materiali e mentali. Per altri, invece, il rispetto e la fama costituiscono lo scopo precipuo della vita. Per guadagnarsi il rispetto della gente fanno dunque di tutto, compiendo ogni genere di sacrificio. Non si tratta tuttavia che di obiettivi mondani, talvolta irraggiungibili in questo mondo, e in ogni caso destinati a svanire al sopraggiungere della morte.

Un credente è nondimeno del tutto consapevole dell’esistenza e del potere di Allah. Conosce la ragione per cui Allah lo ha creato e che cosa si attende da lui. Per questo motivo, l’obiettivo fondamentale della sua vita è essere un servo di cui Allah è soddisfatto. Si avvale quindi di ogni mezzo per raggiungere questo traguardo, e a tal fine si sforza. Risolve allora il mistero della morte: per molti essa non significa che la fine, ma per lui la morte non è estinzione, ma una fase di transizione verso la vita vera.

I miscredenti ritengono che la morte, considerata come un incidente che mette fine alle loro vite, sia “un fatto autogenerato”, così come pensano che la vita sia nata per caso, in maniera spontanea. Il fatto è, tuttavia, che è Allah a creare la vita e, nello stesso modo, a toglierla. La morte, la quale non è assolutamente una coincidenza o un caso, è un avvenimento che si verifica in accordo alla legge di Allah, in un momento e in un luogo predestinati.

Un musulmano è colui che capisce che Allah ha potere su tutte le cose e che la morte non è una fine, ma una transizione verso la vera dimora dell’uomo (l’Aldilà). Consapevole di questi fatti, evita accuratamente di costruire la sua vita su un “lembo di terra instabile e franosa”. Si volge ad Allah, cosciente del fatto che è il vero Padrone e Creatore della vita, della morte e di quanto va oltre. In questo sistema creato da Allah, egli comprende che la ricchezza, la posizione sociale o il bell’aspetto non sono i mezzi che conducono l’uomo al successo, ma solo delle “cause” che agiscono secondo le regole stabilite da Allah, le quali hanno efficacia soltanto per un breve periodo di tempo.

La chiave del sistema che Allah ha creato è il Suo consenso. Questo perché Allah guida solo coloro che cercano la Sua approvazione.

Allah guida sulla via della salvezza quelli che tendono al Suo compiacimento. Dalle tenebre li trae alla luce, per volontà Sua li guida sulla retta via. (Surat al-Ma’ida: 16)

Un musulmano è tale in quanto ricerca l’approvazione di Allah. Questa è la caratteristica primaria che distingue un musulmano da tutte le altre persone. I musulmani considerano la religione un metodo per ottenere l’approvazione di Allah, mentre la maggioranza delle persone la ritiene un sistema di credenze che gioca un ruolo insignificante nelle loro vite.

È proprio a tale riguardo che si palesa la distinzione tra i veri musulmani e coloro che li imitano (gli ipocriti). I primi abbracciano la religione come un sentiero che conduce all’approvazione di Allah, mentre per gli ipocriti è qualcosa da cui trarre beneficio. È per tale ragione che le preghiere degli ipocriti sono “piene di ostentazione(Surat al-Ma’un: 6) mentre i musulmani “sono umili nell'orazione(Surat al-Mu’minun: 1-2). Analogamente, mentre i Musulmani spendono il loro denaro per la causa di Allah, gli ipocriti lo fanno allo scopo di impressionare gli altri e non per meritare l’approvazione di Allah.

O voi che credete, non vanificate le vostre elemosine con rimproveri e vessazioni, come quello che dà per mostrarsi alla gente e non crede in Allah e nell'Ultimo Giorno. Egli è come una roccia ricoperta di polvere sulla quale si rovescia un acquazzone e la lascia nuda. Essi non avranno nessun vantaggio dalle loro azioni. Allah non guida il popolo dei miscredenti. (Surat al-Baqara: 264)

Lo Sforzo Necessario Per Ottenere l’approvazione Di Allah 

L’uomo si sforza duramente al fine di ottenere quei benefici terreni che considera lo scopo ultimo della vita. Egli fa del suo meglio per ottenere la prosperità materiale, il riconoscimento della condizione sociale o qualche altro bene terreno. Per “un prezzo vile” (Surat at-Tawba: 9) che gli sfuggirà dalle mani in un attimo, egli compie sforzi sovraumani.

I musulmani, che aspirano ad una ricompensa di gran lunga maggiore, ossia, all’approvazione di Allah e al Suo Giardino, si sforzano anch’essi duramente per la propria causa. Di questa caratteristica, Allah dice:

Quanto a chi desidera il caduco, Ci affrettiamo a dare quello che vogliamo a chi vogliamo, quindi lo destiniamo all'Inferno che dovrà subire, bandito e reietto. Quanto invece a chi vuole l'altra vita, sforzandosi a tal fine ed è credente... il loro sforzo sarà accetto. (Surat al-Isra’: 18-19)

Un credente si impegna “con l’impegno dovuto” per ottenere l’approvazione di Allah e l’altra vita. “Vende” la sua proprietà e la sua vita per la causa di Allah. Nel Corano, questa caratteristica dei credenti viene spiegata in questo modo:

Allah ha comprato dai credenti le loro persone e i loro beni [dando] in cambio il Giardino, [poiché] combattono sul sentiero di Allah, uccidono e sono uccisi. Promessa autentica per Lui vincolante, presente nella Torâh, nel Vangelo e nel Corano. Chi, più di Allah, rispetta i patti? Rallegratevi del baratto che avete fatto. Questo è il successo più grande. (Surat at-Tawba: 111)

Nessuna difficoltà che il credente incontra sul cammino di Allah frustra la sua dedizione, ammesso che egli abbia venduto “la sua proprietà e la sua persona” ad Allah. Nulla che non sia l’approvazione di Allah ha per lui la minima attrattiva. Consapevole di non essere il “proprietario” del suo corpo e dei suoi beni, egli non si abbandona mai ai vani desideri dell’io (nafs). Essendo Allah il padrone del suo corpo e di tutto ciò che possiede, questi lo metterà al servizio della Sua Volontà.

A parte questo, anche la determinazione sarà messa alla prova da Allah. Il credente è consapevole di non dovere evitare alcuno sforzo nel Suo cammino. Se si trattasse semplicemente di “affari immediati”, anche gli ipocriti sarebbero in grado di realizzare opere in apparenza conformi alla Sua Volontà.:

Se fosse stato un affare immediato e un viaggio breve, ti avrebbero seguito; ma la distanza parve loro eccessiva. E allora si misero a giurare [in nome di Allah]: «Se avessimo potuto saremmo venuti con voi». Si perdono da loro stessi, ma Allah sa perfettamente che sono dei bugiardi. (Surat at-Tawba: 42)

L’unico criterio per essere un credente è quindi avvertire un sincero desiderio di ottenere l’approvazione di Allah senza evitare alcun sacrificio nel cammino di Allah qualora le circostanze lo richiedano. I credenti sono coloro che sono “eletti, il monito della Dimora [ultima]” Surah Sad: 46. Un credente non cerca alcun vantaggio se non l’approvazione di Allah. Spera di compiacere ad Allah, di ottenere la Sua misericordia e di meritare il Paradiso, perché: “Quanto a coloro che, uomini o donne, operano il bene e sono credenti, ecco coloro che entreranno nel Giardino e non subiranno alcun torto, foss'anche [del peso] di una fibra di dattero.” (Surat an-Nisa’: 124)

Come abbiamo visto, il Corano traccia un ritratto completo del credente. Il Paradiso è la dimora di coloro che “credono con certezza” in Allah e nell’altra vita (Surah Luqman: 4) e poi “lottano con l’impegno dovuto” per la causa di Allah. L’esito di coloro che “adorano Allah tentennando” e pongono i propri rozzi interessi personali alla pari del compiacimento di Allah è descritto in questi termini nel Corano:

Fra gli uomini c'è chi adora Allah tentennando. Se gli giunge il bene, si acquieta; se gli giunge una prova fa voltafaccia e perde in questa vita e nell'altra. Questa è una perdita evidente.(Surat al-Hajj: 11)

I credenti sono bramosi dell’aldilà, dove Allah ha promesso loro una vita meravigliosa e infinita. Il nostro Signore ha garantito ai suoi servi credenti una buona esistenza anche in questo mondo. Ciò non significa, tuttavia, che non si incontreranno avversità e problemi in questo mondo. Le afflizioni in cui ci si imbatte hanno lo scopo di mettere alla prova e di indurre una maturazione.

Gli ostacoli che un credente incontra sono situazioni apparentemente difficili; ma, una volta che sono state affrontate con sottomissione, Allah libera da ogni difficoltà. Ad esempio, quando il suo popolo tentò di gettare nel fuoco il Profeta Ibrahim (as) a causa della sua fede, questi diede una risposta caratteristica di un Musulmano: preferì essere gettato nel fuoco che rinnegare la sua fede o i comandi di Allah. Essere gettato in un fuoco è la sofferenza fisica più terribile cui un essere umano possa essere sottoposto in questo mondo. Ibrahim (as), che affrontò questa prova di Allah nella più assoluta sottomissione, fu salvato da questa esperienza penosa dalla Volontà di Allah, senza subire alcun danno.

Disse: « Adorate all'infuori di Allah qualcuno che non vi giova e non vi nuoce? Vergognatevi di voi stessi e di ciò che adorate all'infuori di Allah! Non ragionate dunque?» Dissero: «Bruciatelo e andate in aiuto dei vostri dèi, se siete [in grado] di farlo». Dicemmo: «Fuoco, sii frescura e pace per Abramo». Tramarono contro di lui, ma facemmo sì che fossero loro i perdenti.(Surat al-Anbiya’: 66-70)

Il Corano afferma che nessun male colpirà quanti non temono di perdere nulla nella lotta sul cammino di Allah, ma che anzi otterranno ricompense materiali e spirituali, in un passo in cui loda la fede dei credenti, anche quando sull’orlo di una sconfitta:

Dicevano loro: "Si sono riuniti contro di voi, temeteli". Ma questo accrebbe la loro fede e dissero: "Allah ci basterà, è il Migliore dei protettori". Ritornarono con la grazia e il favore di Allah, non li colse nessun male e perseguirono il Suo compiacimento. Allah possiede grazia immensa. Certo è Satana che cerca di spaventarvi con i suoi alleati . Non abbiate paura di loro, ma temete Me se siete credenti. Non essere afflitto per quelli che accorrono alla miscredenza. In verità non potranno nuocere ad Allah in nulla. Allah non darà loro parte alcuna nell'altra vita e avranno castigo immenso. Invero, coloro che hanno barattato la fede con la miscredenza, non potranno nuocere ad Allah in nulla e avranno doloroso castigo.(Surah Al ‘Imran: 173-177)

In conclusione, nessuna angoscia, difficoltà o dolore può affliggere un credente alla ricerca del consenso di Allah che ubbidisca ai Suoi ordini. Ciò è dimostrato nel corso degli eventi con i quali Allah mette alla prova la determinazione, la pazienza e la sottomissione del credente. Per quanto possano apparire avvenimenti penosi e difficili, se affrontati con pazienza e sottomissione, consentono all’individuo di scoprire la misericordia di Allah. Inoltre, Allah ci informa nel Corano che nessuna anima è oberata di un carico maggiore di quello che può sopportare:

Allah non impone a nessun'anima al di là delle sue capacità. (Surat al-Baqara: 286)

Allah non punisce un credente che Lo serva nel modo dovuto, né in questo mondo né nell’altro. Al contrario, lo ricompensa nel modo più generoso sia in questo mondo che in quello che verrà:

Verrà chiesto a quelli che temevano Allah: «Cos'è quel che ha atto scendere il vostro Signore?». Risponderanno: «Il bene più grande!». Coloro che fanno il bene avranno il bene in questa vita, ma la dimora dell'altra vita è certo migliore! Quanto deliziosa sarà la dimora dei timorati; entreranno nei Giardini dell'Eden dove scorrono i ruscelli e avranno quello che desidereranno. Così Allah compensa coloro che [Lo] temono.(Surat an-Nahl: 30-31)

Come monito da parte di Allah, il tormento, la difficoltà e i problemi sono inflitti a coloro che non cercano l’approvazione di Allah e che non Gli dimostrano un’assoluta sottomissione, indulgendo ai desideri della propria anima. Quando i credenti commettono un errore, considerano di conseguenza i problemi e le difficoltà che ne derivano un ammonimento misericordioso da parte di Allah, ne traggono quindi un insegnamento, si pentono e fanno ammenda del loro comportamento. I miscredenti, invece, non imparano mai dalle prove che subiscono, e meritano quindi il tormento eterno nell’altra vita.

Conoscere La Propria Anima

La “anima” umana (an-nafs) è un altro elemento importante a cui fa riferimento il Corano, nel senso più generale di “personalità” o “io” di ogni individuo.

Allah parla nel Suo Libro dei due aspetti dell’anima: l’uno che ispira il male e gli atti perversi, mentre l’altro è quello che protegge dal male. Il Corano spiega questo in Surat ash-Shams:

Per l'anima e Ciò che l'ha formata armoniosamente ispirandole empietà e devozione. Ha successo invero chi la purifica, è perduto chi la corrompe.(Surat ash-Shams: 7-10)

Come risultas evidente dai versetti precedenti, il male esiste nell’anima di ogni uomo. Tuttavia, colui che purifica la propria anima otterrà la salvezza. I credenti non assoggettano le proprie anime al male. Semplicemente, lo evitano, con la guida dell’ispirazione di Allah. Il modo di pensare appropriato per un credente è mostrato dal Profeta Yusuf (as) nel versetto: Non voglio assolvere me stesso! In verità l'anima è propensa al male, a meno che il mio Signore per la misericordia [non la preservi dal peccato]…” (Surah Yusuf: 53).

Dal momento che l’anima “è propensa al male”, un credente deve sempre vigilare su di essa. Come disse anche il Profeta Muhammad (saas): “lo sforzo lotta più grande è quello contro la propria anima (nafs)”. L’anima tenta incessantemente la persona mostrando alternative allettanti, e non gli fa mai ottenere l’approvazione di Allah. Un credente, tuttavia, grazie al suo timore di Allah, non viene ingannato da questo attributo “fuorviante” dell’anima. Egli si volge sempre a ciò che è giusto, per condurre un’esistenza conforme alla Volontà di Allah. Questo è l’atteggiamento di una persona saggia, opposto ad un comportamento stolto, come disse il Profeta (saas):

È saggio colui che vigila sui desideri del proprio corpo e sulle passioni, si astiene da ciò che è dannoso e si sforza per ciò che gli arrecherà beneficio dopo la morte. È stolto colui che si sottomette alle proprie brame e ai propri desideri, e si aspetta che Allah soddisfi i suoi futili desideri. (Tirmidhi)

Astenersi Dall’idolatria

L’idolatria consiste, in poche parole, nell’associare qualunque altra cosa ad Allah. Considerando questa definizione, alcuni potrebbero sollevare l’obiezione: “Noi non associamo nessuno ad Allah”, anche se in realtà sono idolatri. Il fatto che non riescano a che cosa sia l’idolatria spiega una simile obiezione. Il Corano menziona spesso il caso di quanti associano altro ad Allah – sono, cioè, idolatri – e pur tuttavia non accettano questa situazione:

Nel Giorno in cui li raduneremo tutti, diremo ai politeisti: «Dove sono gli associati che supponevate?». E non avranno altra possibilità che dire: «Per Allah, nostro Signore! Non eravamo associatori!». (Surat al-An’am: 22-23)

Nessuno deve dare per scontato di essere completamente libero dall’idolatria, ma deve sempre pregare Allah di mantenerlo a distanza da essa. Questo perché l’idolatria è un grave peccato. Quando al Profeta (saas) fu questo quale fosse il peccato più grande, rispose: “Attribuire associati ad Allah, essendo Lui Colui Che vi ha creato”. Nel Corano, Allah afferma di poter perdonare ogni peccato e crimine, tranne l’idolatria:

In verità Allah non perdona che Gli si associ alcunché; ma, all'infuori di ciò, perdona chi vuole. Ma chi attribuisce consimili a Allah, commette un peccato immenso.(Surat an-Nisa’: 48)

Il punto di partenza dell’idolatria, che è un “peccato immenso”, è conferire ad altri, nella propria mente, gli attributi di Allah. Gli attributi (potere, intelligenza, bellezza ecc.) che conferiamo ad altri, in realtà, non appartengono loro, ma sono concessi da Allah per un lasso di tempo definito. Ritenere che questi attributi “appartengano” ad altri che Allah significa semplicemente considerare questi altri simili a dei.  Ciò si definisce “associazione ad Allah”, ovvero  “attribuire dei soci ad Allah”.

A proposito dell’unicità e singolarità di Allah, il Corano dice:

Dì: “Egli Allah è Unico, Allah è l’Assoluto. Non ha generato, non è stato generato e nessuno è eguale a Lui”. (Surat al-Ikhlas: 1-4)

Come affermato nel versetto precedente, Allah è Colui che provvede a tutti; ogni essere ha bisogno di Lui per esistere. Nulla Lo eguaglia. Quando si nega questo fatto e si inizia a pensare che alcuni esseri possano esistere di per se stessi, senza il sostegno di Allah, allora l’idolatria viene alla luce e ci si dimentica che tutto è sotto il Suo controllo. Emerge allora la falsa credenza che possano esistere esseri i quali non hanno bisogno di Lui. Tale credenza induce l’uomo a rivolgersi a loro in caso di aiuto, a cercarne il consenso e ad adottare le loro regole.

I credenti che non attribuiscono eguali ad Allah si volgono a Lui, poiché sanno che Allah ha il potere su tutte le cose. Il fondamento logico dei credenti è affermato nel Corano in questo modo:

Te noi adoriamo e a Te chiediamo aiuto.(Surat al-Fatiha: 4)

Coloro che associano eguali ad Allah, di fatto, si volgono verso esseri che non sono in grado di aiutarli in quanto non sono “deità”, ma deboli servi come loro. Allah dice:

Gli associano esseri che non creano nulla e che anzi sono essi stessi creati e non possono esser loro d'aiuto e neppure esserlo a loro stessi. Se li invitate alla retta via, non vi seguiranno. Sia che li invitiate o che tacciate per voi è lo stesso. In verità coloro che invocate all'infuori di Allah, sono [Suoi] servi come voi. Invocateli dunque e che vi rispondano, se siete sinceri!(Surat al-A’raf: 191-194)

L’idolatria è dunque una grande infamia, un grave inganno e un comportamento insensato. La condotta stolta di quanti associano eguali ad Allah è così descritta nel Corano:

O uomini, vi è proposta una metafora, ascoltatela: « Coloro che invocate all'infuori di Allah non potrebbero creare neppure una mosca, neanche se si unissero a tal fine; e se la mosca li depredasse di qualcosa ,non avrebbero modo di riprendersela. Quanta debolezza in colui che sollecita e in colui che viene sollecitato! ». Non considerano Allah nella Sua vera realtà. In verità Allah è forte e possente. (Surat al-Hajj: 73-74)

L’idolatria appare in forme differenti. Dal momento che gli uomini assumono come deità degli esseri diversi da Allah, ne ricercano l’approvazione, gli affidano le loro speranze e accettano come vero il loro giudizio. È in questo modo che l’uomo diviene schiavo di milioni di divinità immaginarie. Spera di trovare sollievo in questi esseri, che sono tanto impotenti quanto lo è lui. Chi associa eguali ad Allah è tuttavia a un punto morto e il danno che subisce è quindi molto grande. Ciò è riferito nel Corano nel modo seguente:

...Attribuirgli associati è un’enorme ingiustizia.(Surah Luqman: 13)

Tuttavia bisogna dire che un uomo simile fa un torto a se stesso. Ciò perché “In verità Allah non commette nessuna ingiustizia verso gli uomini, sono gli uomini che fanno torto a loro stessi.” (Surah Yunus: 44)

 

1 / total 6
You can read Harun Yahya's book Devoti Ad Allah online, share it on social networks such as Facebook and Twitter, download it to your computer, use it in your homework and theses, and publish, copy or reproduce it on your own web sites or blogs without paying any copyright fee, so long as you acknowledge this site as the reference.
Riguardo questo sito | Fanne la tua Homepage | Aggiungi ai preferiti | RSS Feed
tutto il materiale può essere copiato, stampato e distribuito semplicemente facendo un riferimento a questo sito
(c) All publication rights of the personal photos of Mr. Adnan Oktar that are present in our website and in all other Harun Yahya works belong to Global Publication Ltd. Co. They cannot be used or published without prior consent even if used partially.
© 1994 Harun Yahya. www.harunyahya.it
page_top
iddialaracevap.com adnanoktarhaber.com adnanoktarhukuk.com adnanoktargercekleri.net
YENİ ŞAFAK GAZETESİ YAZARI SAYIN HASAN ÖZTÜRK’E AÇIK MEKTUP
SAYIN ÖZLEM GÜRSES'E AÇIK MEKTUP
SAYIN MİNE UZUN'A AÇIK MEKTUP
HUSUMETLİ ÇEVRELER TARAFINDAN AVUKATLARIMIZA YÖNELİK SÜRDÜRÜLEN YOĞUN...
DAVA DOSYASI BOMBOŞ ÇIKINCA MEDET UMULAN ESKİ BİR İFTİRA: "GİZLİ TÜNELDEN...
KONUNUN TARAFLARINA SÖZ HAKKI VERMEDEN TEK TARAFLI YAYIN YAPMASI HABERTÜRK...
SAYIN AHMET HAKAN'A AÇIK MEKTUP
HALK TV'YE AÇIK MEKTUP
OZAN SÜER ARKADAŞIMIZIN TUTUKLANMASIYLA İLGİLİ OLARAK AV. SENA AKKAYA...
TÜRK İNSANI ADİL, TARAFSIZ, DÜRÜST, İLKELİ VE SEVGİ DOLU BİR BASIN ÖZLEMİ...
İFTİRA ÜZERİNE KURULAN DAVAMIZIN TEMELİNDEKİ SEBEP: "HUSUMET"
HÜRRİYET GAZETESİ VE YAZARLARINA CESARETLE VE ISRARLA DOĞRUDAN YANA OLMAK...
SEVGİ, KARDEŞLİK VE SELAM GÖNDERME İDDİALARI TUTUKLAMA GEREKÇESİ OLAMAZ
MEHDİYET İNANCI SEBEBİYLE SAYIN ADNAN OKTAR’IN YANINDAN AYRILMADIĞIMIZ...
TOPLU BİR AKIL TUTULMASI: "GALEYAN"
ELVAN KOÇAK BEY’İN YANLIŞ BİLGİLENDİRİLDİĞİ HUSUSLAR
AV. CELAL ÜLGEN'E AÇIK MEKTUP–3
İNGİLİZ DERİN DEVLETİNİN ÜLKEMİZDEKİ ALÇAK, HAİN VE AŞAĞILIK KRİPTO...
SAYIN MİNE KIRIKKANAT HANIMEFENDİ’YE BİR KEZ DAHA DOSTLUK VE SEVGİ...
MÜŞTEKİ İFADELERİ HAKKINDA BASINDA YER ALAN GERÇEK DIŞI HABERLER
SEVGİDEN VAZGEÇMEK ZULÜM OLUR, TEK İSTEĞİMİZ SEVGİ TOPLUMU OLUŞMASI
2 YILDAN BU YANA CAMİAMIZA KARŞI YAPILAN HAK VE HUKUK İHLALLERİ, ZULÜM VE...
ALİ İHSAN KARAHASANOĞLU KARDEŞİMİZ MASUMİYET KARİNESİNE VE SAVUNMA HAKKINA...
ATV KAHVALTI HABERLERİNDEKİ ASILSIZ İTHAMLARA CEVABIMIZDIR
MİLLİ ÇÖZÜM DERGİSİ BAŞYAZARI AHMET AKGÜL’ÜN İFTİRALARA DAYANARAK YAPTIĞI...
SEVGİYE DAİR HER DAVRANIŞIN SUÇ KAPSAMINA SOKULMA GAYRETİNDEN ENDİŞE...
AV. SN. CELAL ÜLGEN'E AÇIK MEKTUP
CÜBBELİ AHMET HOCAMIZ’DAN MÜSLÜMANLAR HAKKINDA KONUŞURKEN ADİL, DÜRÜST VE...
İSTİKLAL İNTERNET HABER SİTESİ YAZARLARINDAN SAYIN ÖMER AKDAĞ’A...
MADDİ GELİR ELDE ETMEK UĞRUNA TERTEMİZ, NUR GİBİ İNSANLARI ACIMASIZCA YOK...
DOSYAMIZDA ETKİN PİŞMANLIK İFADELERİ DEĞİL, CAN HAVLİYLE KENDİNİ...
SAYIN MİNE KIRIKKANAT HANIMIN SAVUNMA HAKKINI VE DEĞERLİ AVUKATLARI HEDEF...
BASIN KORKU DEĞİL ADALET, DÜRÜSTLÜK VE TARAFSIZLIK ÜZERİNE KURULU YAYIN...
AKİT'TEKİ KARDEŞLERİMİZ YAYINLARINDAKİ HAKARETAMİZ ÜSLUBA KARŞI MUTLAKA...
SN. ADNAN OKTAR DURUŞMALAR BOYUNCA MASKE KULLANMIŞ, GENEL SAĞLIĞIN...
MÜMİN ALLAH’TAN GELEN İŞARETLERİ GÖRÜR VE HAYRA YORAR
KANAL D ANA HABER PROGRAMINI HUKUK VE VİCDAN SINIRLARI İÇİNDE YAYIN...
ARKADAŞIMIZ BÜLENT SEZGİN'DEN SAYIN AYŞENUR ARSLAN HANIMEFENDİ’YE AÇIK...
SAYIN ADNAN OKTAR VE ARKADAŞLARINI GÜYA TEHLİKELİYMİŞ GİBİ GÖSTERME OYUNU
ARKADAŞIMIZ SERDAR SUPHİ TOGAY'IN MAHKEME İFADESİNDEN BASINA YANSIYAN...
SÖZDE ETKİN PİŞMAN OLMAK ZORUNDA BIRAKILAN ARKADAŞIMIZ ALİ ŞEREF GİDER’İN...
TURNİKE İFTİRASINA İTİBAR EDİP DİLE GETİRENLERİN ASIL ÖNCELİĞİ...
AKİT CAMİASINDAKİ KARDEŞLERİMİZ BİZİM İYİ NİYETİMİZİ YAKINDAN BİLİR VE...
GERÇEKLER SAYIN DOĞAN KASADOLU'NUN HAYAL DÜNYASINDA YAŞADIĞINDAN VE...
ALİ İHSAN KARAHASANOĞLU KARDEŞİMİZE HANIMLAR HAKKINDA SAYGILI VE NEZAKETLİ...
MUHAFAZAKAR CAMİADA HAKKIMIZDA MERAK EDİLEN BAZI SORULARA CEVAPLAR
DURUŞMADA YÖNELTİLEN SORULAR İDDİANAMEDE YER ALAN SUÇLAMALARIN ASILSIZ...
ARKADAŞIMIZ SEDAT ALTAN'DAN DEĞERLİ GAZETECİMİZ SAYIN AHMET HAKAN'A AÇIK...
ARKADAŞIMIZ MERVE BÜYÜKBAYRAK'IN MİNE KIRIKKANAT HANIMEFENDİ'YE AÇIK...
ARKADAŞIMIZ KARTAL İŞ'TEN SAYIN DOĞU PERİNÇEK’E AÇIK MEKTUP
AV. SN. KEREM ALTIPARMAK’IN “İNTERNET ERİŞİM ENGELLERİ VE İFADE ÖZGÜRLÜĞÜ”...
"NİHAYET DERGİSİ"NDE, CAMİAMIZ HAKKINDA YAPILMIŞ GERÇEK DIŞI, ÇİRKİN BİR...
HALKI, HALKA EZDİREN SİSTEM SON BULMALI
KONU DEKOLTE DEĞİL, SEVGİMİZE VE DOSTLUĞUMUZA DUYULAN ÖFKE
INDEPENDENT-TÜRKÇE'NİN MÜSLÜMANLARA EVRİM TEORİSİNİ KABUL ETTİRME TAKTİĞİ
BUGÜN BAZI GAZETECİLERİN TUTUKLANMASINI ELEŞTİREN CNN TÜRK GECE GÖRÜŞÜ...
DEKOLTE GİYDİLER DİYE MASUM İNSANLARA YÜZLERCE YIL HAPİS CEZASI İSTEYİP...
SN. ADNAN OKTAR’IN MEHDİLİK İLAN EDEREK DEVLETİ ELE GEÇİRECEĞİ İTHAMI AKLA...
ARKADAŞIMIZ EMRE BUKAĞILI'NIN SN. FAZIL SAYIN AÇIKLAMALARINA CEVABI
SÜLEYMAN ÖZIŞIK KARDEŞİMİZİN DE CEMAATLERİN MİLLETİMİZ İÇİN DEĞERİNİ ÇOK...
ADNAN OKTAR OLMASAYDI...
SAYIN ERGUN YILDIRIM’IN “YENİ MEHDİLER” BAŞLIKLI KÖŞE YAZISINA...
NORMAL VE LEGAL BİR YAŞAMDAN YAPAY SUÇLAR ÜRETİLEREK "HAYALİ BİR SUÇ...
SAYIN ADNAN OKTAR’IN TUTUKLANMASININ ARDINDAN...
CÜBBELİ AHMET HOCAMIZ MÜSLÜMANLARA ATILAN İFTİRALARA İTİBAR ETMEMELİDİR
ODATV GENEL YAYIN YÖNETMENİ SN. BARIŞ PEHLİVAN'A AÇIK MEKTUP
KOMPLOCULAR, KORKUTARAK "SÖZDE" İTİRAFÇI YAPTIKLARI ARKADAŞLARIMIZ...
CUMHURİYET GAZETESİNE AÇIK MEKTUP
GENİŞ HAYAL GÜCÜ İLE KURGULANAN DAVA DOSYASI
MODERNLİK İSLAM’IN GELİŞİP YAYILMASINDA EN ETKİLİ YÖNTEMDİR
SN. ENVER AYSEVER’İN PROGRAMINDA GÜNDEME GELEN İTHAMLARIN CEVAPLARI
SN. ADNAN OKTAR: "ALLAH'IN VERECEĞİ KARARI TALEP EDİYORUM"
MİNE KIRIKKANAT GİBİ AYDIN VE DEMOKRAT BİR HANIMA HUKUKUN TEMEL İLKELERİNE...
Adnan Oktar: "Allah’ın vereceği kararı talep ediyorum."
Adnan Oktar: "Allah’ın vereceği kararı talep ediyorum."
YENİ AKİT GAZETESİ VE ODA TV’DE YER ALAN “UYAP’TAN SANIĞIN ADI SİLİNDİ”...
SAYIN BİRCAN BALİ'YE CEVAP
SAYIN AVUKAT CELAL ÜLGEN'E AÇIK MEKTUP
SAYIN ALİ İHSAN KARAHASANOĞLU'NA CEVAP
SAYIN ADNAN OKTAR VE CAMİAMIZA YÖNELİK MANEVİ LİNÇ
SN. DOĞU PERİNÇEK VE SN. PROF. DR. ALİ DEMİRSOY'UN ÖNEMLİ OLDUĞUNU...
SAYIN PROF. DR. NURAN YILDIZ'A AÇIK MEKTUP
SN. ADNAN OKTAR VE ARKADAŞLARININ İSRAİL VE MUSEVİLERLE OLAN...
CAMİAMIZA YÖNELİK "YURTDIŞI LOBİ FAALİYETLERİ" İSNADI İLE İLGİLİ...
FETÖ'YE KARŞI EN GÜÇLÜ ELEŞTİRİLERİ SN. ADNAN OKTAR YAPMIŞTIR
DELİL VE ŞAHİT OLMADAN SUÇSUZ İNSANLARI CEZALANDIRMAK KUR’AN’A UYGUN...
ARKADAŞLARIMIZ MUAZZEZ VE YILDIZ ARIK’IN DURUŞMADAKİ GERÇEK DIŞI...
İNSANLARA NEREDE VE KİMLERLE YAŞAYACAKLARINA DAİR BASKI VE DAYATMADA...
ARKADAŞIMIZ BERİL KONCAGÜL’ÜN DURUŞMADAKİ GERÇEK DIŞI İDDİALARINA...
KANAL D'NİN UYDURMA HABERİ
MERVE BOZYİĞİT'İN DURUŞMADAKİ AÇIKLAMALARI KUMPASI GÖZLER ÖNÜNE SERDİ !!!
ARKADAŞLARIMIZ ALTUĞ ETİ, BURAK ABACI VE CEYHUN GÖKDOĞAN'IN...
KUMPASÇILARIN ARKADAŞLARIMIZA BASKI VE TEHDİTLE DAYATTIĞI GERÇEK DIŞI...
"NORMAL HAYATIN SUÇMUŞ GİBİ GÖSTERİLMESİ" ANORMALLİĞİ
ARKADAŞIMIZ ÇAĞLA ÇELENLİOĞLU'NUN DURUŞMADAKİ İDDİALARINA CEVABIMIZ
YENİ ŞAFAK VE GÜNEŞ GAZETELERİNDEKİ GERÇEK DIŞI İDDİALARA CEVAP
SAVUNMA HAKKIMIZ NASIL ENGELLENDİ?
ARKADAŞIMIZ ECE KOÇ'UN DURUŞMADAKİ İDDİALARINA CEVABIMIZ
ARKADAŞLARIMIZ MUSTAFA ARULAR VE EMRE TEKER'İN DURUŞMALARINDAKİ...
ARKADAŞIMIZ AYÇA PARS'IN DURUŞMADAKİ İDDİALARINA CEVABIMIZ
KAMU VİCDANI YALANI
DEVLETİMİZİN VERDİĞİ SİLAH RUHSATLARI CAMİAMIZA DUYDUĞU GÜVENİN AÇIK BİR...
ASIL HEDEF İSLAM ALEMİ, TÜRKİYE, SAYIN ERDOĞAN VE AK PARTİ HÜKÜMETİ
GERÇEK MODERNLİK İSLAM DİNİNDEDİR
TV PROGRAMLARINDA SEVGİ DİLİ ESAS ALINMALIDIR
"Allah'tan tahliyemizi istirham ediyorum"
AKİT GRUBUNA AÇIK MEKTUP
"....Allahvar.com sitesi kapatıldı, düşmanım bu siteyi yapmış olsa...
GARDIROP YALANI
SAYIN DOĞU PERİNÇEK'E AÇIK MEKTUP
'CRACKED.COM' SİTESİNDEKİ İDDİALARA CEVAP
1999 KAN KAMPANYASI TAMAMEN MEŞRU VE LEGAL BİR ORGANİZASYONDUR
HARUN YAHYA KÜLLİYATININ İMHASI ÇOK VAHİM VE TARİHİ BİR HATA OLUR
HAKİM VE SAVCILARIMIZ YALNIZCA KANUN, HUKUK VE VİCDANI ESAS ALMALIDIR
DİYANET İŞLERİ BAŞKANLIĞI RAPORUNA CEVAP
İLERİ DERECEDE MODERN GÖRÜNÜM VE DEKOLTE GİYİM TARZININ NEDENLERİ
"Adnan Bey’in çevresindeki her insan hayat dolu, mutlu, cıvıl cıvıl.”
SUÇSUZ BİR GENÇ KIZ DAHA HUKUKSUZ OLARAK TUTUKLANDI
SÖZDE İTİRAFÇI VEYA MÜŞTEKİ OLMAYA ZORLANMIŞ KARDEŞLERİMİZE ACİL KURTULUŞ...
YENİ BİR SAFSATA DAHA
"Müslümanlar Kardeştir..."
"Biz silahlı suç örgütü değiliz"
MEHDİYETİ GÜNDEME GETİRMEK LİNÇ KONUSU OLMAMALI
"Zorla alıkonma, İzole bir hayat yaşama iddialarını asla kabul etiyorum"
"Adnan Bey bizi çok sever, hep onore eder"
MEDYANIN ZORAKİ "BENZERLİK KURMA" TAKTİĞİ
"Ortada silahlı suç örgütü değil sadece birbirini çok seven arkadaş...
AYÇA PARS CANIMIZ GİBİ SEVDİĞİMİZ, MELEK HUYLU, MÜMİNE KARDEŞİMİZDİR
ÇOK DEĞERLİ BİR SİYASİ BÜYÜĞÜMÜZE AÇIK MEKTUP
"ALIKONMA" SAFSATASI
KUMPASÇILARIN KORKUTARAK İFTİRACI DEVŞİRME YÖNTEMLERİ
BERİL KONCAGÜL TEHDİT ALTINDADIR, CAMİAMIZA İFTİRAYA ZORLANMAKTADIR!
TAHLİYE OLAN ARKADAŞLARIMIZ HİÇ KİMSE İÇİN HİÇBİR ZAMAN BİR BASKI UNSURU...
AV. CELAL ÜLGEN ADİL VE DÜRÜST OLMALI
AKİT TV SUNUCUSU CANER KARAER HAKKINDA ÖNEMLİ BİLGİLENDİRME
MASUM İNSANLARIN TAHLİYESİ TAMER KORKMAZ'I DA SEVİNDİRMELİDİR
"Adnan Bey için ailelerimizle arasının iyi olmadığına dair iftiralar...
"Türkiye ve İslam Dünyasını zayıflatmak istiyorlar.."
"Adnan Bey`den ASLA ŞİDDET VE BASKI GÖRMEDİM..."
"Allah rızası için 40 yıldır Türk-İslam Birliği için çabalıyoruz"
"...En ufak bir suça dahi şahit olmadım..."
"Hakkımızda çok fazla SAHTE DELİLLER ÜRETTİLER..."
"Biz FETÖNÜN ANTİSİYİZ...."
“Bu dava sürecinde.... sözde dijital delillerin ibraz edilmemesi gibi pek...
"Zaten biz birbirimizi bu kadar çok sevdiğimiz için buradayız..."
"Biz bir arkadaş grubuyuz..."
"...Biz Vakıf faaliyetlerimiz ile her zaman Devletimizin yanında olduk"
"Biz kimseyle ilgili karalama faaliyeti yapmadık..."
"...Sözde tecavüz için mi buradaki arkadaşlarımla biraraya geleceğim?!"
"...Faaliyetlerimiz herkese hitap ediyor ..."
"Bizim amacımız şatafat içinde yaşamak değil, hiç kimsenin hitap edemediği...
"İnancım gereği ben insanlara yardım ederim"
"Ne yapsa "zorla" diyorlar. Zorla Gülümsüyor, Zorla, Zorla olur mu?"
"Bizim bir arada olma amacımız örgüt kurmak değil. ilmi mücadele...
"Biz birbirimizi Allah için seven.. arkadaşlarız"
"Polisler geldi, hangi eve operasyon yapacağız derlerken, balkona çıkıp...
"Biz örgüt değiliz"
"Devletimizi desteklediğimiz çok hayırlı faaliyetlerimiz var, Bunlar...
"Biz Allah`tan Razıyız Allah da Bizlerden Razı olur inşaAllah"
"İddia edildiği gibi katı bir ortam olsa 40-50 yıl niye kalalım?"
"Neden cömertsin?" diye soruyorlar
"İngiliz Derin Devleti bunu duyunca çıldırdı..."
"Biz Milli değerler etrafında birleşmiş bir sivil toplum kuruluşuyuz"
"Bir imza atıp dışarı çıkmayı ben de bilirim. Ama iftira büyük suçtur."
"Ben varlıklı bir aileden geliyorum, Saat koleksiyonum var"
"Silahlı suç örgütü iddiası tamamen asılsızdır, yalandır, iftiradır."
"Bizim yaptığımız tek şey Allah'ın yaratışını anlatmaktır."
"Almanya'da İslamofobi var, İslam düşmanları var..."
Bir örgüt olsak devlet bizimle faaliyette bulunur mu?
DAVAMIZ METAFİZİKTİR – 2. BÖLÜM
DAVAMIZ METAFİZİKTİR – 1. BÖLÜM
MAHKEME SÜRECİNDE SİLİVRİ CEZAEVİNDE YAŞANAN EZİYET VE ZULÜMLER
"Ben Sayın Adnan Oktar `dan hiçbir zaman Şiddet, Eziyet, Baskı görmedim."
DAVA DOSYASINDAKİ CİNSELLİK KONULU İDDİALAR TÜMÜYLE GEÇERSİZDİR
DURUŞMALARIN İLK HAFTASI
"İNFAK" SUÇ DEĞİL, KURAN'IN FARZ KILDIĞI BİR İBADETTİR
GERÇEK TURNİKE SİSTEMİ GENELEVLERDE
Adnan Oktar davasının ilk duruşması bugün yapıldı.
AVK. UĞUR POYRAZ: "MEDYADA FIRTINA ESTİRİLEREK KAMUOYU ŞARTLANDIRILDI,...
Adnan Oktar'ın itirafçılığa zorlanan arkadaşlarına sosyal medyadan destek...
Adnan Oktar suç örgütü değildir açıklaması.
Adnan Oktar'ın cezaevinden Odatv'ye yazdığı mektubu
Adnan Oktar'dan Cumhurbaşkanı Sayın Recep Tayyip Erdoğan'a mektup
Casuslukla suçlanmışlardı, milli çıktılar.
TBAV çevresinden "Bizler suç örgütü değiliz,kardeşiz" açıklaması
Bu sitelerin ne zararı var!
Adnan Oktar ve arkadaşları 15 Temmuz'da ne yaptılar?
Sibel Yılmaztürk'ün cezaevinden mektubu
İğrenç ve münasebsiz iftiraya ağabey Kenan Oktar'dan açıklama geldi.
Adnan Oktar ve arkadaşlarına Emniyet Müdürlüğü önünde destek ve açıklama...
Adnan Oktar hakkında yapılan sokak röportajında vatandaşların görüşü
Karar gazetesi yazarı Yıldıray Oğur'dan Adnan Oktar operasyonu...
Cumhurbaşkanı Sayın Recep Tayyip Erdoğan'dan Adnan Oktar ile ilgili...
Ahmet Hakan'nın Ceylan Özgül şüphesi.
HarunYahya eserlerinin engellenmesi, yaratılış inancının etkisini kırmayı...
Kedicikler 50bin liraya itirafçı oldu.
Adnan Oktar ve arkadaşlarına yönelik operasyonda silahlar ruhsatlı ve...
FETÖ'cü savcının davayı kapattığı haberi asılsız çıktı.
Adnan Oktar ve arkadaşlarının davasında mali suç yok...
Cemaat ve Vakıfları tedirgin eden haksız operasyon: Adnan Oktar operasyonu...
Tutukluluk süreleri baskı ve zorluk ile işkenceye dönüşüyor.
Adnan Oktar’ın Cezaevi Fotoğrafları Ortaya Çıktı!
"Milyar tane evladım olsa, milyarını ve kendi canımı Adnan Oktar'a feda...
Adnan Oktar davasında baskı ve zorla itirafçılık konusu tartışıldı.
Adnan Oktar ve arkadaşlarının davasında iftiracılık müessesesine dikkat...
Adnan Oktar davasında hukuki açıklama
Adnan Oktar ve Arkadaşlarının Masak Raporlarında Komik rakamlar
Adnan Oktar ve Arkadaşlarının tutukluluk süresi hukuku zedeledi.
Adnan Oktar'ın Museviler ile görüşmesi...
Adnan Oktar ve arkadaşlarına yönelik suçlamalara cevap verilen web sitesi...
Adnan Oktar ve arkadaşlarına karşı İngiliz Derin Devleti hareketi!
Adnan Oktar iddianamesinde yer alan şikayetçi ve mağdurlar baskı altında...
Adnan Oktar iddianamesi hazırlandı.
SAYIN NEDİM ŞENER'E AÇIK MEKTUP
Adnan Oktar ve Nazarbayev gerçeği!
En kolay isnat edilen suç cinsel suçlar Adnan Oktar ve Arkadaşlarına...
Adnan Oktar kaçmamış!
BİR KISIM MEDYA KURULUŞLARINA ÇAĞRI !!!
FİŞLEME SAFSATASI
İSA TATLICAN: BİR HUSUMETLİ PORTRESİ
SİLİVRİ CEZAEVİNDE YAŞANAN İNSAN HAKLARI İHLALLERİ
MÜMİNLERİN YARDIMLAŞMASI VE DAYANIŞMASI ALLAH'IN EMRİDİR
GÜLÜNÇ VE ASILSIZ "KAÇIŞ" YALANI
ABDURRAHMAN DİLİPAK BİLMELİDİR Kİ KURAN’A GÖRE, ZİNA İFTİRASI ATANIN...
YALANLAR BİTMİYOR
SAÇ MODELİ ÜZERİNDEN KARA PROPAGANDA
TAHLİYE EDİLENLERE LİNÇ KAMPANYASI ÇOK YANLIŞ
MEDYA MASALLARI ASPARAGAS ÇIKMAYA DEVAM EDİYOR
Adnan Oktar ve Arkadaşlarının ilk duruşma tarihi belli oldu.
AKİT TV VE YENİ AKİT GAZETESİNE ÖNEMLİ NASİHAT
YAŞAR OKUYAN AĞABEYİMİZE AÇIK MEKTUP
KARA PARA AKLAMA İDDİALARINA CEVAP
Adnan Oktar ve FETÖ bağlantısı olmadığı ortaya çıktı.
TAKVİM GAZETESİNİN ALGI OPERASYONU
Adnan Oktar ve Arkadaşlarına yönelik suçlamaların iftira olduğu anlaşıldı.
"Bizler Suç Örgütü Değiliz..."